I personal trainer aziendali: il Couch e il Consulente

Si parla tanto di coaching e consulenza aziendale, ma sappiamo quali sono i compiti di queste figure professionali e come possono essere utili a un’azienda?

In realtà se dovessimo immaginare una metafora, queste figure professionali, esterne o interne all’azienda, ci rimandano allo sport: sono quasi dei personal trainer, dei motivatori aziendali che agiscono per valorizzare i punti di forza e minimizzare quelli di debolezza, attraverso il supporto alla squadra aziendale.
Detto così sa tanto di metafisico e trascendentale, ma si tratta di un’attività più pratica e concreta di quanto si pensi. Chiaramente diventare coach aziendale richiede, oltre che una specifica formazione professionale (a tal proposito vi rimandiamo al portale per i Corsi di Coaching), anche di una certa sensibilità e capacità di interpretare le esigenze dell’azienda e dei suoi dipendenti.

La differenza tra Coach e Consulente? Il primo è un professionista, esperto di processi evolutivi, che aiuta l’azienda a migliorare il loro rendimento e contribuisce al miglioramento personale e professionale di chi fa parte della squadra. Non dà soluzioni ma fornisce gli strumenti per trovarle in base alla singola situazione.

Diverso il ruolo del Consulente, che si occupa più che altro degli aspetti tecnici e meramente strategici di alcune parti dell’attività aziendale.
Oggi quasi tutte le aziende si affidano a dei consulenti esperti per potenziare alcuni aspetti dell’attività, mentre la figura del Coach si sta iniziando a intravedere da poco, anche se i segnali sulla percezione di questa figura professionale a supporto dell’azienda cominciano ad essere molto evidenti. Una nuova opportunità di lavoro?

Employability 2.0: formazione e lavoro per 100 laureati e laureandi

Employability 2.0 è un progetto ideato dal Consorzio ELIS formazione, un percorso interaziendale di formazione e lavoro, di durata biennale, che vedrà coinvolti 100 giovani tra laureati e laureandi.
I partecipanti, avranno la possibilità di arricchire il proprio bagaglio di competenze e cominciare contemporaneamente il loro percorso professionale grazie a due esperienze lavorative retribuite, della durata di 12 mesi, all’interno di grandi imprese a livello nazionale e internazionale.
Il progetto è rivolto a ragazzi di età non superiore ai 27 anni, con un’ottima conoscenza della lingua inglese, laurea magistrale o specialistica in scienze economiche e sociali, tecnico scientifiche e umanistiche, conseguita con votazione non inferiore a 107/110 e laureandi con media uguale o superiore al 27 che siano a 3 esami e non più di sei mesi dalla discussione della tesi di laurea.

La selezione dei candidati  è stata affidata all’agenzia polifunzionale del lavoro Inforgroup. Per inoltrare la vostra candidatura dovrete utilizzare il modulo online disponibile su Employability20.it

Corsi di inglese per bambini: il metodo Nuts

È stato inventato da un’allieva dell’Accademia Silvio D’Amico di Roma: sembra che il metodo Nuts, ormai diventato uno spettacolo teatrale, sia molto utile per insegnare l’inglese ai bambini.
Si tratta di una fiaba creata proprio per aiutare i piccoli ad apprendere la lingua straniera con più facilità.

A ottobre a Roma inizieranno i corsi Nuts, che saranno articolati in un percorso di apprendimento integrato alla visione degli episodi della sitcom e a test online.
Il metodo è stato inventato da Teresa Pascarella e sarà presentato ufficialmente al 36° convegno nazionale Tesol-Italy (Tesol-Teachers of English to Speakers of Other Languages).

A ottobre l’omonimo spettacolo teatrale a Roma.

Creare impresa: a cosa serve il Business Plan

Il business plan è un documento fondamentale per un’impresa, soprattutto in fase di avvio. Non è altro che un buon riassunto dell’idea di business, con la descrizione degli obiettivi, delle previsioni relative ai risultati e delle strategie da usare per il raggiungimento del profitto.
A cosa serve? Non bisogna sottovalutarlo perché da esso dipende spesso l’acquisizione di investitori o di potenziali clienti.

Affinché sia utile è necessario che il business plan, oltre a contenere in modo chiaro e appetibile tutte le informazioni sull’idea di business, deve anche trasmettere il giusto valore dell’idea di business in termini di creatività, innovazione e stima di successo.

Non dimentichiamoci che il business plan va presentato e per questo bisogna allenarsi adeguatamente perché non è facile trasmettere a parole, gesti ed espressioni il giusto valore della propria attività.
Il rischio è quello di non conferire la giusta importanza al proprio business e alle proprie idee.

È per questo motivo che i neoimprenditori dovrebbero dedicare ampio spazio a una formazione specifica di questo tipo, soprattutto se mancano di esperienza. Alcuni enti di formazione erogano dei corsi finalizzati al trasferimento di tecniche e metodologie per la redazione di un business plan efficace, accompagnando il tutto con delle indicazioni utili a sviluppare delle tecniche di comunicazione di successo.

A ciò si aaggiunge la necessità di apprendere sul campo le tecniche di promozione del proprio business attraverso la rete, per le quali esistono vari tipi di corsi, che si concentrano su aspetti variegati di settore, destinati ad aziende e professionisti.

Ricordiamo che, se questo è importante per le start up o comunque per attività in sviluppo, non bisogna sottovalutarne la necessità anche per chi vuole potenziare il proprio business e fino a questo momento non ha diretto le giuste energie verso quegli aspetti fondamentali che abbiamo sottolineato.

Esempio Business Plan

La Formazione Aziendale: aggiornamento e innovazione

Quando si parla di formazione si fa spesso l’errore di riferirsi esclusivamente ai privati, senza considerare l’importanza che i percorsi di aggiornamento e specializzazione possano assumere anche a livello aziendale, per il potenziamento delle competenze di chi contribuisce al successo aziendale ma ha bisogno di costante aggiornamento.

Ci sono degli enti che, oltre a fornire consulenza aziendale di vario genere, si occupano anche di formazione per aziende e professionisti, con percorsi di vario genere in base alle esigenze delle aziende e dei settori di riferimento. Spesso i corsi vengono tenuti direttamente a domicilio e in azienda.

Parlare di formazione per Manager e Aziende significa citare anche l’Asfor – Associazione Italiana per la Formazione Manageriale, ente di settore che, per alcuni settori, rilascia dei “bollini” di qualità.
Pensare alla formazione aziendale significa anche fare una distinzione tra formazione a pagamento e finanziata. Per consulenza sulla formazione aziendale finanziata citiamo ETAss, specializzato nella gestione dei finanziamenti per le aziende.
È chiaro che la maggior parte dei percorsi formativi sia però a pagamento, anche se le fasce di prezzo variano da settore a settore. I corsi aziendali possono essere di vario genere e per ogni settore.

Recentemente una delle tendenze più importanti è l’importanza attribuita agli aspetti “digitali” del brand e delle aziende, quindi alla gestione del sito e al miglioramento delle proprie capacità di sfruttamento di internet come strumento di promozione, anche attraverso i social network o il posizionamento sui motori di ricerca.
Ma le proposte sono moltissime e, accanto a questo, un’altra branca di corsi aziendali in sviluppo è quella relativa al coaching, al team building aziendale, alla gestione dei conflitti.

Accanto alla tecnica e alla competenza di settore è importante infatti avere delle capacità che riguardino il lavoro di squadra, la motivazione e l’autocontrollo.

Provincia di Pescara: formazione gratuita per disoccupati e inoccupati

Con l’obbiettivo di favorire l’inserimento lavorativo di disoccupati e inoccupati, la Provincia di Pescara, nel periodo compreso tra il 26 agosto e il 30 ottobre 2012, l’attivazione di 7 percorsi formativi a frequenza gratuita, con indennità oraria di 2 euro (fatta eccezione per il corso per installatori di porte per il quale sono previsti 4 euro di indennità).
I corsi sono rivolti a candidati maggiorenni, disoccupati o inoccupati, che abbiano completato la scuola dell’obbligo a condizione che risultino regolarmente iscritti presso i centri per l’impiego della provincia. Non saranno ammessi i candidati destinatari della mobilità in deroga.
Il progetto prevede l’attivazione dei seguenti corsi gratuiti:

- corsi per agenti di commercio (durata 90 ore, 20 allievi ammessi)
- corsi su applicativi per la gestione di paghe e contributi (durata 90 ore, 20 allievi ammessi)
- corso per installatori di porte e finestre (100 ore, 20 allievi)
- 2 corsi di preparazione per l’acquisizione del First Certificate per la lingua inglese ( 100 ore, 15 allievi)
- 2 corsi di business english ( 100 ore, 15 allievi)

Le domande dovranno essere inviate tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, entro l’11 luglio all’indirizzo: Provincia di Pescara, Settore VII Lavoro, Formazione Professionale e Turismo, via Passolanciano 75 – 65124 Pescara

Per maggiori informazioni: Pescaralavoro.it

 

Certificazioni inglese: ILEC per avvocati, GRE e GMAT per laureati

Per usare la lingua inglese a livello professionale non basta saperla parlare, ma spesso sono necessarie delle certificazioni specifiche che attestino, possibilmente con riconoscimento internazionale, il livello di conoscenza della lingua.

Nel caso dell’inglese, le certificazioni più note sono sicuramente TOEFL, IELTS e Trinity, ma ce ne sono altre più specifiche, riservate a professionisti di settore o per laureati che intendono frequentare un master all’estero.

ILEC – Cambridge International Legal English Certificate - Si tratta di una certificazione linguistica specifica per avvocati o comunque professionisti del settore legale e giuridico. La conoscenza dell’inglese viene valutata ad un livello pari al B2 e C1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue del Consiglio d’Europa (QCER). Nasce per andare incontro alle esigenze delle aziende e degli avvocati ed è adatto a studenti di giurisprudenza.

L’esame si svolge due volte l’anno, a maggio e a novembre, presso uno dei centri autorizzati Cambridge ESOL presenti in tutto il mondo. Si compone di quattro parti:

-         lettura

-         produzione orale

-         scrittura

-         ascolto.

A seguire una parte orale, che consiste nella conversazione con gli esaminatori.

GRE – Graduate Record Examinations – Il GRE è una certificazione per l’inglese richiesta nel caso di Master e Dottorati. Il test dura 5 anni ed è composto da 3 sezioni (verbale, quantitativa e analitica). In alcuni casi specifici il test generale è seguito da esami per materie specifiche se richieste dai master o dai dottorati.

GMAT – Graduate Management Admission Test - Terminiamo con il GMAT GMAT: si tratta di un test pensato per l’ammissione ai programmi MBA. L’esame si sostiene al computer e articola la difficoltà delle domande automaticamente in base alla preparazione del candidato.

Inglese: un punto in più per trovare lavoro

Conoscere l’inglese è diventato determinante per trovare lavoro ma le aziende dicono che i giovani italiani non lo sanno parlare.

Inglese per Trovare LavoroDurante i colloqui, infatti, è diventata un’abitudine la verifica della conoscenza della lingua, che può avvenire in modo differente: con un test oppure attraverso la simulazione di situazioni e conversazioni.

Il risultato è che il più delle volte i giovani non conoscono la lingua e per questo vengono penalizzati a favore dei candidati che parlano fluentemente l’inglese.

Per questo bisognerebbe investire in dei buoni corsi di inglese, che consentono di acquisire almeno le basi della conversazione. I corsi di inglese per adulti e giovani, inoltre, sono estremamente personalizzabili in base agli impegni dei partecipanti, inoltre sono disponibili molte offerte e sconti sui percorsi formativi.

È importante cogliere il momento e potenziare il proprio inglese, soprattutto considerando che alcune grosse aziende hanno previsto delle assunzioni a breve.

Accenture per esempio ha previsto 200 nuovi inserimenti in settori come informatica, ingegneria, fisica, matematica, economia, risk management, sourcing e procurement e supply chain management, consulenza tecnologica e outsourcing. Simili i profili professionali ricercati da Avanade, che si occupa di fornitura di soluzioni tecnologiche e servizi informatici per le aziende.

Se state cercando lavoro, considerate, posta la conoscenza almeno basilare della lingua inglese, il web offre molte opportunità. Perchè non sfruttarle? Il Centro di Formazione RomaExplorer organizza periodicamente dei Corsi e Seminari Gratuiti di Orientamento al Lavoro sul Web.

Empoli: un corso gratuito per “Tecnico del disegno di prodotti industriali”

C’è tempo fino al 28 giugno per iscriversi al corso gratuito promosso finanziato dal Circondario Empolese Valdelsa grazie alle risorse del Fondo Sociale Europeo.
Un percorso finalizzato alla formazione di tecnici specializzati per l’inserimento nel settore calzaturiero,  in grado di seguire la realizzazione e la progettazione dei modelli e di lavorare con Cad e CAM alla programmazione dei sistemi di produzione dei pezzi progettati.
Il corso prevede un totale di 660 ore di lezione suddivise in 380 in aula e 220 di stage ed è rivolto a candidati maggiorenni in possesso di diploma di scuola secondaria superiore.
Per maggiori informazioni sulle modalità di iscrizione e di selezione dei partecipanti: Asev.it

Inglese sullo smartphone: impararlo con le applicazioni

Se siete stanchi dei soliti corsi di inglese e state cercando delle alternative divertenti, che vi consentano grande personalizzazione nella gestione degli argomenti, del corso e delle varie attività, allora dovreste puntare su nuove applicazioni per ipad.

Il download è ancora ai primi posti e permette di scegliere tra molte risorse in vari formati, le applicazioni ci sono ma la maggior parte sono ancora vincolate all’AppStore e, anche se a un prezzo irrisorio, sono comunque a pagamento.

Il mondo dei corsi di inglese per ipad comunque si sta sviluppando moltissimo e abbiamo notato un’esplosione non indifferente sui corsi di inglese per bambini: il motivo è da ricercare nel fatto che l’ipad, o comunque le applicazioni mobile, sono fatte per essere molto interattive e quindi si prestano benissimo alla realizzazione di giochi per i più piccoli, ottima strategia di apprendimento.

L’alternativa sono i classici download gratuiti. Non avete più scuse per non imparare l’inglese.