Contributi per il coworking: la Camera di Commercio di Ferrara stanzia duemila euro

Per favorire l’occupazione giovanile, la Camera di Commercio di Ferrara sta confezionando un bando, in uscita a febbraio, che prevede dei contributi a favore del coworking, per l’ammontare di duemila euro.

Sembra che il coworking sia stato individuato, infatti, come strumento utile per risolvere i problemi di disoccupazione, tutto volto a ridimensionare i costi di un’attività professionale.

Requisito fondamentale per partecipare al bando è l’età: l’intenzione della Camera di Commercio di Ferrara, infatti, è quella di privilegiare l’occupazione giovanile.

“Vogliamo privilegiare i giovani che decidano di fondare una nuova impresa e non abbiano la possibilità di permettersi un locale tutto loro non è escluso che in futuro la Giunta camerale possa rivedere questa valutazione».

EasyJet va incontro ai laureati con il Programma Formazione-Lavoro 2013

Il noto network di trasporto aereo e compagnia di volo europea ha avviato il Programma Laureati 2013 con nuove opportunità di lavoro nel settore dei trasporti aerei. La ricerca si rivolge nello specifico a 20 neolaureati o studenti che si laureeranno entro l’estate 2013.

Il programma avrà una durata di due anni e comprenderà la possibilità di effettuare un’esperienza professionale, sempre affiancati da tutor esperti, nelle seguenti aree:

- Operations

- Finance e Project Management

- IT

- Commerciale

- Marketing

- Risorse Umane.

Il progetto è già al suo secondo anno: EasyJet è stata votata dai neolaureati come una delle migliori aziende per cui lavorare, ed è apparsa al 35mo posto nella classifica JobCrowd’s 2012 / 2013.

In EasyJet ci impegniamo a investire sui giovani, vogliamo offrirgli nuove e stimolanti opportunità, in un momento economico particolarmente difficile come quello attuale. Siamo alla ricerca di un gruppo di ragazzi che non abbiano solamente un ottimo curriculum accademico ma anche la volontà di dare e trarre il massimo dal percorso formativo che li attende”, queste le parole di Alita Benson, Direttore Risorse Umane di EasyJet.

Chi desidera partecipare al programma dovrà candidarsi entro il 16 dicembre 2012 dalla pagina dedicata al European Graduate Programme sul sito della compagnia aerea.

Come sta la formazione aziendale con la crisi. Indagine Expo Training

Secondo l’Indagine Expo Training la formazione aziendale in Italia non gode di ottima salute e la crisi non ha fatto altro che accentuare questa tendenza, diminuendo la propensione all’investimento da parte soprattutto delle piccole e medie imprese.

Nel 2011, per esempio, solo il 10 % delle piccole e medie aziende ha dichiarato di aver fatto formazione professionale, mentre la percentuale per quanto riguarda le imprese più grandi è stata del 15% per il 2011, percentuale che scende fino al 5% se si parla di investimenti per gli anni successivi.

Questi sono solo alcuni dei dati della ricerca di Expo Training, Fiera della Formazione Professionale che si è tenuta a Milano il 25 e il 26 ottobre 2012.

L’indagine è stata realizzata da UnionFormazione (associazione nazionale degli enti di formazione) nei primi mesi del 2011 usando un campione di 2000 aziende italiane, per un totale di circa un milione di lavoratori.

Gli investimenti in formazione aumentano proporzionalmente alla grandezza dell’azienda, per esempio il 35% delle aziende che occupa da 500 a mille dipendenti ha puntato al training e quelle sopra i 1000 dipendenti sono state il 50%.

Uno dei problemi principali a quanto pare sono i finanziamenti, dai quali dipendono quasi totalmente le aziende fino a 100 addetti (per il 95 %). Per le aziende tra 100 e 300 dipendenti la quota è del 15% e del 25% delle aziende fra i 300 e i 500 addetti.

L’eccezione è costituita dalla grande impresa con il 32% (500-1000 dipendenti) e il 50% (gruppi oltre mille addetti) che destinano risorse proprie alle attività di formazione.

Per quanto riguarda la tipologia di corsi preferiti dalle aziende, si privilegiano quelli che puntano alle competenze di base e non a quelle strategiche per il business o manageriali. I corsi riguardano soprattutto l’inglese, l’informatica e la sicurezza sul lavoro, nettamente meno il marketing, la comunicazione, il management, le vendite o l’innovazione di prodotto o dei processi.

Milano e futuro @l femminile collaborano per la formazione delle donne

Milano e futuro@l femminile puntano sulla formazione tecnologica delle donne.

Secondo uno studio, solo l’1% delle donne scelgono dei percorsi di studio in qualche modo legati all’informatica e alla tecnologia, ma di questa esigua percentuale addirittura l’80% trova lavoro a un anno dalla laurea e per di più il 100% nei due anni successivi.

Da questi dati è emersa l’importanza attribuibile alla formazione informatica ed è per questa ragione che futuro@lfemminile, Progetto di Responsabilità Sociale di Microsoft Italia con Asus e Cluster Reply ha avviato l’iniziativa donne@lcomputer promossa dall’Assessorato alle Politiche sociali e Cultura della Salute del Comune di Milano, con un corso gratuito ad hoc da martedì 4 al 21 dicembre.
Si tratta di quattro ore di lezione per ogni tipologia di corso (Word, Excel o Internet).

Con questi corsi - ha spiegato l’assessore alle Politiche Sociali, Pierfrancesco Majorino - diamo la possibilità a cinquecento donne di imparare a usare i principali programmi utilizzati per lavorare migliorando la propria formazione. Un’occasione per chi è alla ricerca di un’occupazione e vuole o ha bisogno di qualche competenza in più o desidera migliorare quelle già acquisite da autodidatta“.

La tecnologia e i suoi strumenti possono essere una grande risorsa per le donne perché offrono l’opportunità di conciliare vita privata e lavoro eliminando le barriere spazio-temporali.

Un CV Social per non passare inosservati

In un momento in cui le aziende sono letteralmente sommerse dai curricula vitae, il vostro potrebbe passare inosservato e confondersi tra le montagne di carta.
Self marketing per trovare lavoroPerché non sfruttare le opportunità messe a disposizione dalla rete per proporsi in modo alternativo e presentare un CV che “spicchi” tra gli altri con il messaggio “prendete me”?
Tutto dipende da ciò che sapete fare. Se siete dei grafici originali e creativi, usate proprio queste vostre competenze per presentare la vostra candidatura a uno studio grafico, trasmettendo tutta la vostra personalità.
L’importante è non esagerare: l’autenticità è sempre un elemento fondamentale. Il discorso è diverso tra “rappresentazione”, che talvolta può essere solo uno specchio per le allodole, e “valorizzazione”, oltre alla capacità di “sapersi vendere”.
In questo il self marketing, ammettiamolo, ci aiuta molto, per cui troverete in allegato una breve guida.
Se dovessimo stilare un elenco dei modi più accattivanti e alternativi dell’ultimo momento per presentare il proprio curriculum, spiccherebbero tra tutti i Video CV e i CV grafici, come infografiche o Social CV. In effetti non c’è modo migliore per farsi conoscere di quello di portare completamente se stessi, anima e corpo (anche se in 2D, ma possiamo lavorarci!).
Il più nuovo è, però, il Social CV, che integra tutti gli elementi di un CV tradizionale. Ma attenzione a non confondere privato (compresi i famosissimi scheletri nell’armadio!) con le competenze professionali. Il Social CV in questo senso diventa davvero un’arma a doppio taglio.
Quale modello usereste per farvi scegliere dall’azienda dei vostri sogni?

Guida Self marketing per trovare lavoro

Progetto Faber. Incontro tra creativi digitali e aziende

Giunge alla sua terza edizione il Progetto Faber, occasione di incontro, scambio e valorizzazione dei giovani creativi digitali e delle imprese che ne richiedono le competenze e la professionalità.

Progetto FaberSi tratta di un progetto molto interessante, che si articola in due fasi:
- concorso nazionale rivolto a giovani autori, imprese, imprenditori per opere in ambiti come live action, animazione, app e web, visual e graphic design
- premio costituito dalla partecipazione al salone professionale Fabermeeting, che si terrà a Torino il 13 e 14 giugno 2013, durante il quale i vincitori del concorso potranno confrontarsi con le aziende

Disponibili anche altri premi messi a disposizione dai partner del Progetto Faber, come stage e tirocini retribuiti, alta formazione, committenze e consulenze, oppure sostegno economico per la realizzazione di progetti.

I vincitori verranno anche coinvolti nell’evento “Studi creativi aperti”, grazie al quale avranno la possibilità di visitare studi, case di produzione, agenzie di comunicazione, imprese del settore ICT.

Il Progetto Faber è sostenuto da Città di Torino – Direzione Lavoro, Sviluppo, Fondi Europei e Smart City, Camera di commercio di Torino e Compagnia di San Paolo, ed è stato realizzato da Torino Nord Ovest.

Il bando del concorso è già disponibile on line. Per partecipare è sufficiente iscriversi entro il 31 gennaio 2013.

Borse di studio per un corso di lingua all’estero

L’ERSU di Catania ha avviato un bando di selezione per assegnare 19 borse di studio dell’importo di € 1.200,00 per il finanziamento di soggiorni studio e corsi di lingue all’estero.

I premi sono riservati a studenti universitari che rientreranno in determinate fasce di reddito e di merito accademico. I corsi dovranno avere la durata di almeno tre settimane (60 ore) per i livelli europei elementare “A” e intermedio “B”, e di almeno 100 ore per il livello europeo avanzato “C”.

Al bando potranno partecipare gli studenti iscritti per l’a.a. 2012/2013 presso l’Università degli Studi di Catania, l’Accademia di Belle Arti di Catania, gli Istituti musicali Bellini di Catania e Caltanissetta.

I soggiorni di studio non si potranno svolgere oltre il mese di settembre 2013, inoltre al termine del corso sarà obbligatorio presentare l’attestato di frequenza con relativa votazione, insieme a documenti come: biglietto di viaggio con relativa carta di imbarco, documentazione in originale attestante le spese di vitto e alloggio.

La scadenza per partecipare al bando di concorso è il 18 dicembre 2012.

Bando Giovani: 2.500 euro per i laureati di Puglia e Basilicata

Il Rotary Club ha avviato un bando sul tema “Sviluppo dell’Imprenditoria nell’Italia Meridionale” rivolto a giovani laureati che hanno preparato una tesi concentrata sull’argomento. Il bando mette a disposizione un premio di 2.500 euro per l’autore ritenuto più meritevole.

Il Rotary Club ha divulgato un bando finalizzato a promuovere la ricerca e lo studio in tutti i campi dell’imprenditoria nell’Italia Meridionale. Il concorso, riservato a giovani laureati da non oltre due anni e residenti nella circoscrizione del Distretto 2120 del Rotary International (Puglia e Basilicata), premierà la tesi più meritevole sul tema “Sviluppo dell’Imprenditoria nell’Italia Meridionale”.

Per partecipare al concorso è necessario inviare la tesi di laurea in tre copie insieme al curriculum studiorum alla Fondazione Rotary (via Piccinni 33, 70122 Bari), entro il 31 gennaio 2013.

Per ulteriori informazioni sul bando consultate la sezione Bandi e Concorsi del nostro portale.

GiovaniSi: tirocini digitali in Toscana

Si tratta di un progetto che deriva da un accordo di collaborazione tra la Regione Toscana, Google, CNA Toscana e Fondazione Sistema Toscana. L’iniziativa, finalizzata a supportare e incoraggiare le piccole imprese a sfruttare gli strumenti del web, consiste in una serie di tirocini “digitali” destinati ai giovani.

Il progetto GiovaniSì si colloca anche nella direzione, intrapresa dalla Regione Toscana, volta a scoraggiare l’abuso dei tirocini e dello sfruttamento, imponendo un importo forfettario a titolo di rimborso spese.

Come si articola? Tutte le piccole imprese che non dispongono di risorse per crearsi un sito web o per avviare delle iniziative di web marketing, possono affidarsi proprio ai giovani tirocinanti, adeguatamente formati in tal senso.

Vogliamo essere promotori di innovazione e introdurre la digitalizzazione quale elemento di competitività per le nostre imprese e contribuire a creare nuove opportunità di lavoro per i giovani grazie ad importanti occasioni di scambio tra mondo della formazione e impresa”, ha dichiarato Giuseppe Santillo, presidente dei giovani imprenditori di Cna Toscana.

L’impegno di Google è quello di mettere a disposizione dei tirocinanti gli strumenti tecnici e formativi per avviare la digitalizzazione delle piccole imprese e per la formazione degli stagisti. L’apporto di Fondazione Sistema Toscana è quello di fornire formazione nell’ambito della comunicazione digitale e del social media marketing, tramite l’attivazione di uno speciale help desk.

Per ulteriori informazioni basta scrivere a: info@giovanisi.it e digitalizziamoci@cnatoscana.it.

MUSTer in Management Dinamico: iniziativa formativa Low Cost

Venerdì 23 Novembre ad Angeli di Rosora (AN) dalle 9,30 si terrà la prima tappa del “MUSTer in Management Dinamico” di Fior di Risorse. Si tratta di un percorso di alta formazione low cost per le aziende più innovative.

MUSTer in Management DinamicoParteciperanno al percorso formativo grandi aziende come: Davines, Marchesini Group, Micron, Var Group (IBM), Accademia Barilla, Bassilichi, Lombardini Motori, Tetrapak e Warrant Group.
Alla fine del master verranno assegnate due borse di studio per la partecipazione al Tour 2013 di Italiani di Frontiera, percorso all’interno delle aziende della Silicon Valley.

Vogliamo condividere un approccio concreto e moderno al fare impresa, per questo abbiamo messo a punto insieme alle aziende un programma di alta formazione itinerante specializzato in Management Dinamico. L’obiettivo fondamentale di questo progetto è dare reali opportunità ai partecipanti di arricchire le proprie competenze sperimentandole dall’interno del contesto aziendale, senza coinvolgerli in costosi master proposti come facile soluzione alla crisi e al ricollocamento professionale. - ha commentato Osvaldo Danzi, coordinatore di Fior di Risorse - I contenuti e la struttura che abbiamo scelto sono frutto delle proposte e del confronto diretto con i manager e i professionisti che fanno parte del nostro network. L’obiettivo comune è stata la voglia di offrire, per la prima volta, un programma aperto a un nuovo modo di pensare il management, in grado di trasmettere non solo informazioni e nozioni tecniche, ma anche una visione del lavoro manageriale orientata al futuro in grado di rompere gli schemi e le abitudini di pensiero, a dispetto di tante proposte formative in circolazione i cui docenti spesso non hanno esperienza diretta in azienda e sono ancora concentrati sul passato“.

Per partecipare alla prima tappa del percorso basta registrarsi su http://musterfdr1-eac2.eventbrite.com.